...da alcune lettere dell'Ottocento tra innamorati

Pubblicato il da julie

 

 

 

1301895765_2f36944ebd.jpg

 

Alcuni giorni fa mi è capitato di andare nella soffitta di una mia anziana zia e di incappare in un libro dei primi dell'Ottocento "Il Segretario Universale" e che rappresentava una guida per la compilazione di diversi tipi di lettera, tra cui quelle fra due innamorati. Ho iniziato per divertimento a leggerne alcune e tra queste ne ho scelte tre che rappresentano situazioni diverse: una lettera di rimprovero, una di rottura e infine una di accomodamento.

 

Lettera di rimprovero

Signorina, 

Sono a Voi con il cuore straziato. Dopo avermi fatto nuotare in un mare di dolcissime speranze, Voi  vi compiacete tanto di tormentare il mio cuore che sapete tutto vostro. Non posso soffrire ulteriormente...

Vi vedo sempre ridente, scherzosa, vivace oltremodo con il Signor Arturo, mentre per me non mostrate che freddezza ed indifferenza. Voi più non mi amate! Non mi avete forse mai amato! Ed io che formai la mia felicità nell'adorarvi e nel sottopormi pazientemente a tutti i vostri capricci! Non ardisco parlarvi di amore perché deve esservi di peso, poiché temo che il vostro cuore sia occupato altrove; ma forse verrà il giorno in cui deplorerete  di aver tradito un uomo, il quale malgrado la vostra ingratitudine, si dice ancora vostro. 

 

                                                                                                                            Sincero amante

                                                                                                                             Ulrico V.

 

Lettera di rottura

Signorina, 

Per molto tempo credetti esistesse fra noi una scambievole simpatia ed io, su questa fondavo tutta la mia felicità.

Oggi ho perduto ogni illusione: mi sono persuaso purtroppo che il vostro affetto non è per me: Ne ho sofferto e ne soffro ancora, ve lo assicuro, ma cercherò di farmi forza e voglio sperare di ottenere da un altro cuore quanto il vostro mi ha negato, dopo avermi fatto sperare. 

Dimentichiamo adunque i nostri giuramenti; io vi sciolgo dai vostri, perché ormai mi sento incapace di mantenermi fedele ai miei.

Il tempo ci ha messo alla prova, ci ha persuasi che le nostre due esistenze non erano fatte per essere unite, sicchè null'altro ci resta che di rompere ogni relazione fra noi esistita.

                                                                                                                              Devoto servo

                                                                                                                               Michele B.

 

Lettera di accomodamento

Signorina,

Perdonatemi, ve ne prego. Siete voi che mi avete fatto divenir pazzo. Io riconosco i miei torti, ve li confesso, e ne farò ammenda gettandomi ai vostri piedi, implorando la vostra grazia...

Che ho mai fatto?

Oh sciagurato che sono! Dopo i miei fatti verso di voi, crederete ancora alla mia costante e viva tenerezza?Pensateci: l'eccesso del mio amore per voi mi ha turbato lo spirito e fu cagione del traviamento di cui potete accusarmi.

Siate dunque indulgente e questa lettera vi giungerà irrorata dalle mie lacrime ed io sarò inconsolabile sino a che sarà perdonato il mio errore! Oh signorina, credetemi, il mio rispetto, la mia sottomissione ai più piccoli vostri desideri vi attesteranno d'oggi in poi la sincerità del mio amore  dedicato alla più bella, alla più amabile ed alla più generosa delle donne.

Nella dolce lusinga di un generoso perdono, ardisco ancora dirmi vostro umile, devoto

 

                                                                                                                            Affezionato amante

                                                                                                                                      Gino C.

 

 

Che ne pensate? In un primo tempomi sono detta "frasi d'altri tempi" ma poi  nel trascrivere queste lettere ho pensato che i sentimenti sono sempre gli stessi di allora, cambiano le parole ma la sostanza è sempre quella..

 

 

 

Con tag letteratura

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Letizia 06/18/2012 11:58

Ma che bello!!!
Sarei stata felice anch'io di trovare questo tesoro!

julie 06/18/2012 19:23



ogni tanto ne leggo un po' di pagine...



Rosario 06/18/2012 11:45

Bellissima recensione. :D

julie 06/18/2012 19:23



 grazie!



Laura 06/17/2012 12:08

Io le trovo stupende... Alla faccia dei tvttb degli sms. Buona domenica ;-)

julie 06/17/2012 12:19



sono d'accordissimo con te! e ricambio la buona domenica



monica c. 06/17/2012 01:25

ma è bellissimo questo libro che hai trovato...

julie 06/17/2012 12:03



ci sono lettere di ogni tipo...prossimamente la richiesta in sposa dopo che ha lui ha chiesto il benestare ai genitori di lei...



Mara 06/17/2012 01:11

Ma che romanticismo

julie 06/17/2012 12:01



eh sì...d'altra parte l'Ottocento è l'età del Romanticismo...