La molecola che legge al buio, agendo sui meccanismi biologici

Pubblicato il da julie

 

 

 

 

2943925861_20c6e43412.jpgSi è sempre risaputo che la pelle muti i ritmi metabolici a seconda dei momenti del giorno e più precisamente, nello stato di veglia e in quello del sonno; ma ultimamente, da uno studio recente  condotto dalla biologa e farmacologa Elena Oancea  della Brown University (USA) si è scoperto che la rodopsina, sostanza che permette la visione in bianco e nero, non sia presente solo nella retina dell'occhio ma anche nella pelle. La rodopsina in questo caso, avrebbe anche il compito di percepire i raggi Uva e avviare così, il processo di sintesi della melanina. Questa scoperta cambierebbe il futuro delle creme  per la notte, in quanto fino ad oggi si basavano sui ritmi dell'orologio biologico del nostro corpo. Durante il riposo notturno e in assenza di luce, la pelle attiva tutti i naturali meccanismi; dall'autoriparazione al rinnovamento cellulare e la funzione della barriera sulla pelle è lievemente più debole, quindi facilitando la penetrazione dei prodotti cosmetici. Ecco perché nel prossimo futuro verranno prodotte una serie di creme contenenti questa sostanza. Già ora, esiste un siero "notturno" della Collistar che agisce  a "tempo". Prima, esfolia la pelle, rinforzando un processo che tende a rallentarsi durante la notte e di seguito un secondo processo, da parte di sostanze anti-età che sono agevolate nel processo di  propenetrazione sottocutanea.

 

( chimicamente, la rodopsina  è costituita da una  proteina chiamata opsina e da un derivato della vitamina A, l'11-cis-retinaldeide, che quando assorbe la luce si trasforma in trans-retinaldeide e dopodiché si dissocia dall'opsina. La rodopsina viene costantemente rigenerata dall'intervento di una isomerasi che ripristina l'11-cis-retinaldeide).

 

 

<tratto da supplemento del giornale, La Repubblica>

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

monica c. 02/07/2012 23:46

questa è una scoperta incredibile...

julie 02/08/2012 00:25



sì, anch'io trovo che sia una scoperta importante..