I vari tipi di insonnia

Pubblicato il da julie

L'insonnia è uno dei disturbi più frequenti del sonno, può essere classificata secondo tre gradi: passeggera, a breve termine e cronica. Prima di prescrivere un ipnotico bisogna ben definire la causa e trattare i fattori che l'hanno provocata tenendo conto che alcuni pazienti hanno aspettative di sonno poco realistiche, mentre altri sottovalutano il loro consumo di alcol che spesso risulta la principale causa.

L'insonnia passeggera può comparire in persone che di solito dormono bene ed è spesso determinata da fattori esterni come rumore, cambiamento di letto o di fuso orario. Se è indicato un ipnotico, occorre che sia di rapida eliminazione, con somministrazione al più di uno o due dosi.

L'insonnia a breve termine spesso è dovuta a un disagio emotivo oppure a malattie fisiche; può durare poche settimane e anche ripetersi. In questo caso può servire un ipnotico a rapida eliminazione, preferibilmente con somministrazione di una settimana o con un eventuale uso intermittente.

L'insonnia cronica raramente beneficia degli ipnotici ed è talvolta causata da una dipendenza secondaria a una prescrizione scorretta degli ipnotici stessi. Cause comuni sono disturbi psichiatrici come ansia e depressione o abuso di farmaci e alcol.

Gli ipnotici non dovrebbero mai essere prescritti a caso e mai essere somministrati continuativamente.

Uno dei principali inconvenienti dell'impiego a lungo termine è che durante la sospensione si possa verificare insonnia da rimbalzo e sindrome da astinenza. Bisognerebbe sempre avvisare il paziente che, una volta sospeso il farmaco, il sonno potrebbe essere disturbato per qualche giorno prima che si ristabilisca il suo ritmo naturale.

Cercare sempre di evitare la somministrazione di ipnotici ai bambini, tranne che per motivi occasionali, per esempio nel terrore notturno o nel sonnambulismo.

Una recente statistica indica che circa il 14% delle persone ha qualche disturbo legato al sonno e che questa percentuale aumenta con l'età, fino a raggiungere il culmine oltre i sessanta anni e il sesso femminile sembra essere quello più colpito.

see filename | Source book scan | Date XIV century | Author unknown ma

Con tag Malattie

Commenta il post

monica c. 01/19/2012 19:10

tanti tipi di insonnia... ma non trovo la mia!

julie 01/19/2012 19:13



e qual è il tuo tipo di insonnia? mi hai icuriosito...